Moscardelli incorona Milik: “Può fare ancora meglio”

Milik? Può fare ancora meglio, ha preso le misure con i compagni, si sta ambientando bene: è un inizio che fa ben sperare.

Bologna? Da quando è arrivato Donadoni i ragazzi hanno fatto grandi cose, ed è ovvio che quando vinci tutto va per il meglio e sembra tutto più facile.

Contro il Napoli bisogna giocare a viso aperto, sfruttare le ripartenza e gli spazi liberi che lascia il Napoli. Mi manca tanto giocare in serie A, ma qui cerco di dare il massimo. Perché segnavo sempre contro il Napoli? Casualità ma, è anche vero che ti aiuta tanto studiare le squadre che affronti, capire i punti deboli, ti alleni, provi alcuni schemi in allenamento, ma ripeto, tutti i gol che ho fatto contro il Napoli sono stati solo istintivi.

Futuro? Sicuramente giocare è sempre bello, fino a quando ti diverti e fino a quando il fisico ti regge, è sempre bello giocare. Totti? Nella sua città, con la sua maglia è inevitabile non continuare. Adesso penso a giocare, ho 36 anni ma mi sento bene e cerco di prolungare il divertimento e non per racimolare soldi.

Sono contento di questa nuova avventura, le idee ci sono, il gruppo c’è, abbiamo dimostrato di saper giocare bene, possiamo ancora migliorare. Scudetto al Napoli? Bisogna capire cosa farà la Juventus in Champions”.

Lo afferma, a Radio CRC nel corso di “Si Gonfia la Rete – Secondo tempo” di Raffaele Auriemma, Davide Moscardelli, ex calciatore del Bologna, attualmente in forza all’Arezzo.

 

<  Torna alle news